Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Parchi e giardini vietati. Attività motoria all’aperto solo vicino a casa

21 marzo 2020 – Una nuova ordinanza del Ministero della Salute limita ulteriormente le possibilità di uscire di casa: vietati i parchi e i giardini pubblici e gli spostamenti verso le seconde case; permessa l’attività motoria all’aperto ma solo individualmente, nei dintorni dell’abitazione principale e rispettando la distanza di almeno un metro dalle altre persone.

L’ordinanza è stata emessa ieri sera ed è valida fino al 25 marzo. Per il testo completo clicca qui. A Calenzano il Comune aveva già chiuso i parchi pubblici, compreso Travalle, delimitandoli con nastro bianco e rosso dove possibile o, dove presenti, chiudendo i cancelli, come per esempio al Neto.

“Voglio ringraziare i tanti cittadini di Calenzano che in questi giorni hanno rispettato le regole e sono usciti il meno possibile – ha detto il Sindaco Riccardo Prestini -. Non è il momento di mollare la presa, i contagi sono in aumento e i primi effetti delle limitazioni degli spostamenti si inizieranno a vedere la prossima settimana, considerando che il virus ha 10/14 giorni di incubazione. Rinnovo quindi l’appello a rimanere in casa, dobbiamo assolutamente fermare la trasmissione del virus”.

Al momento a Calenzano sono stati registrati sette casi di coronavirus, tre nella sola giornata di ieri. Nel fine settimana, alla luce della nuova ordinanza ministeriale, saranno intensificati i controlli a cura delle forze dell’ordine, della Polizia Municipale e dei volontari di protezione civile.

Chi viene trovato fuori senza un motivo urgente e non rimandabile o con un’autodichiarazione falsa, incorre in una denuncia penale, con sanzioni che arrivano fino a tre mesi di arresto e ammenda fino a 206 euro, a meno che non si incorra in reati ancora più gravi. A Calenzano la Polizia Municipale ad oggi ha fatto 213 controlli e 9 denunce.



HTML 5
CSS 3