Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Controlli della Polizia Municipale, scoperta truffa sulle assicurazioni

09 agosto 2019 – Proseguono come di consueto i controlli della Polizia Municipale sulle nostre strade, sia con pattuglie in postazione fissa che in motocicletta, sia tramite le telecamere con lettura delle targhe.

Nei giorni scorsi due cittadini sono stati invitati a presentarsi al Comando di via Firenze, in quanto dalla lettura delle loro targhe tramite le telecamere era emersa la mancanza di copertura assicurativa. I due cittadini si sono presentati al Comando con la copia della polizza assicurativa, che però è risultata falsa, a loro insaputa.

Dopo aver consultato un sito internet per individuare la copertura assicurativa più conveniente, erano stati contattati da un numero di cellulare. Per concludere l’operazione hanno poi versato denaro su una carta ricaricabile e ricevuto la polizza con un messaggio whattsapp.

La falsificazione era stata fatta con abilità e riportava il nome di una compagnia realmente esistente che, una volta contattata, ha negato la proprietà della polizza che infatti aveva un numero per loro anomalo. L’indagine proseguirà con la denuncia alla Polizia Postale.

Consigliamo i cittadini di stare attenti quando si concludono contratti online – ha detto la Comandante della Polizia Municipale Maria Pia Pelagatti -: il pagamento deve sempre avvenire in maniera tracciabile quindi con carta di credito o bonifico, non bisogna mai versare soldi su una ricaricabile; inoltre la polizza deve pervenire ufficialmente, per email o per posta e non tramite applicazioni di messaggistica”.

I controlli della Polizia Municipale sono proseguiti con le pattuglie in moto e in postazione fissa per individuare e sanzionare i comportamenti più pericolosi, ossia l’utilizzo del telefono cellulare alla guida e la guida senza cinture di sicurezza. In tre giorni sono stati sanzionati quattro automobilisti con il telefonino e quattro senza cinture di sicurezza.

Non rispettare le regole della strada significa mettere in pericolo la vita propria e degli altri – ha concluso la Comandante Pelagatti -. L’utilizzo del telefonino alla guida è diventata la principale causa di incidenti molto gravi, tanto che la sanzione parte da 165 euro e 5 punti di patente per arrivare, in caso di recidivia, alla sospensione della stessa. Inoltre, è al vaglio del Parlamento una riforma per inasprire ancora di più le sanzioni previste in questi casi, con multe che toccano i 500 euro e la sospensione immediata della patente”.



HTML 5
CSS 3