Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Piano della mobilità: i risultati delle indagini e del questionario

26 maggio 2020 – A Calenzano per spostarsi si usa soprattutto l’auto, ma i cittadini si dicono disponibili a cambiare abitudini in presenza di un’alternativa valida, come una rete più estesa di piste ciclabili e una migliore organizzazione del trasporto pubblico.

Sono stati presentati sabato scorso i risultati delle indagini e del questionario rivolto ai cittadini sul Piano della Mobilità Sostenibile e Piano Urbano del Traffico. La presentazione è avvenuta nel corso di una seduta aperta della Commissione Assetto del Territorio, trasmessa in diretta streaming sul canale youtube del Comune, dove è ancora visibile.

“I questionari hanno confermato e in parte spiegato ciò che era emerso dalle indagini svolte con le telecamere nei punti nevralgici del traffico calenzanese – ha commentato il Vicesindaco e Assessore alla Mobilità Alberto Giusti -. C'è un'abitudine consolidata all’uso del mezzo privato, in prevalenza l’auto, per gli spostamenti anche molto brevi. L’altro aspetto importante è la caratteristica del traffico nella nostra città, in gran parte pendolare per la presenza di numerose attività economiche, oppure di attraversamento. Molti cittadini si sono però detti disposti a passare alla bicicletta o ai mezzi pubblici se questi fossero alternative valide, perciò stiamo lavorando in questa direzione. Alcune piste ciclabili sono in corso di realizzazione e in bilancio abbiamo stanziato fondi importanti per realizzarne altre ancora. Per i mezzi pubblici, lavoreremo in sinergia con la Regione e la Città metropolitana per migliorare intermodalità ed efficienza delle linee su gomma e su ferro. Ringrazio i cittadini che hanno partecipato finora al percorso, inviando osservazioni e compilando il questionario, li invito a non perdere i prossimi appuntamenti in cui presenteremo le proposte di Piano."

I risultati delle indagini e del questionario (per scaricarli clicca qui) saranno presentati ora alle categorie economiche del territorio e ai soggetti pubblici interessati, come per esempio i Comuni limitrofi, la Città Metropolitana, i gestori dei servizi pubblici. Conclusa questa prima fase partecipativa, saranno predisposte alcune ipotesi di cambiamento del sistema di mobilità, che saranno poi presentate ai cittadini nella seconda metà di giugno.

"La Commissione Assetto del Territorio, forse per la prima volta, ha aperto le porte alla diretta streaming – ha commentato la Presidente della Commissione Maria Arena -, per condividere con i cittadini i risultati emersi dall'indagine sul traffico e sulla mobilità che si svolge sul nostro territorio, e trattandosi di un argomento che impatta quotidianamente sulla vita dell'utente, mi sembrava opportuno farlo in questa modalità, anche e soprattutto perché negli ultimi mesi non è stato possibile portare avanti tutte quelle iniziative di partecipazione pubblica da svolgere nell'ambito del processo che vede il POC andare avanti nel suo iter.  Sono molto soddisfatta  della discussione emersa, che si è svolta nel massimo clima di collaborazione, utile e costruttiva,  e ci sarà sicuramente modo di  mettere a punto ed elaborare i contributi dati da tutti i gruppi consiliari in questa sede. Noi siamo fermamente convinti che  il coinvolgimento di più soggetti in tematiche di portata ampia come quella della viabilità pubblica  sia un valore aggiunto, che può senz'altro dare forza all'azione di governo di un territorio".



HTML 5
CSS 3